NEWS LAVORO
Gli   Ordini   degli   Ingegneri   della   Sicilia   (con   esclusione   di   Catania)   hanno   presentato   un   ricorso   al TAR   per   l'annullamento,   previa sospensione    del    decreto    n.    6812    del    7    maggio    2018    del    Dirigente    Generale    del    Dipartimento    Regionale    del    Lavoro, dell’Impiego,   dell’orientamento,   dei   servizi   e   delle   attività   formative   nonché   dell’Avviso   20/2018   per   il   finanziamento   di   tirocini obbligatori e non obbligatori delle professioni ordinistiche approvato con il predetto decreto. Questo   Decreto   pone   i   giovani   ingegneri   in   una   posizione   discriminata    rispetto   ai   giovani   delle   professioni   in   cui   il   tirocinio   è obbligatorio   e   prevede   attività   di   controllo    da   parte   degli   Ordini   degli   Ingegneri   alquanto   gravose   ed   assolutamente   al   di   fuori delle attribuzioni previste dalle leggi costitutive. Lo   scopo   del   Decreto   è   di   aiutare   tutti   i   giovani   laureati   nel   momento   del   loro   inserimento   nel   mondo   professionale.   Il   tirocinio, infatti,   dovrebbe   fornire   a   tutti   i   giovani   laureati   la   possibilità   di   trascorrere   un   periodo   di   formazione   retribuita   all’interno   di   un gruppo   di   lavoro   già   consolidato   ed   inserito   nel   mondo   del   lavoro.   Ma   i   nostri   giovani   laureati   (che   non   sono   obbligati   al   periodo di   tirocinio),   per   potere   godere   dei   benefici   previsti   dalla   norma,   dovrebbero   addirittura   posticipare   l’Abilitazione   e   l’iscrizione all’Ordine . Certamente   non   è   questa   la   sede   per   discutere   sul   Ricorso   e   saranno   i   Giudici   del   TAR   ad   esprimersi   nel   merito   ma   su   una cosa   dovremmo   tutti   riflettere:   non   sarebbe   stato   più   semplice   concordare   con   i   diversi   Ordini   Professionali   le   esigenze   e le modalità di svolgimento dei percorsi formativi sviluppati attraverso tirocinio? Il   rapporto   con   i   professionisti   e   con   gli   Ordini   Professionali   (che   sono   Enti   Pubblici   che   per   legge   vigilano   sulla   tutela   dei   loro iscritti)   deve   essere   un   proficuo   momento   istituzionale   di   concertazione   preventiva ,   funzionale   al   raggiungimento   di   un risultato condiviso . Ricorrere   al   TAR   è   un’ ultima   ratio    ma   occorre   comprendere   che   i   21.500   Ingegneri   Siciliani    non   possono   essere   ignorati rimanendo inascoltati nella creazione di norme che li riguardano. AGGIORNAMENTO - COMUNICATO STAMPA