I    ponti    hanno    bisogno    di    manutenzione,    tutti    i    ponti,    in qualsiasi parte del mondo. La    manutenzione    deve    essere    programmata,    continua    ed efficace.   Questo   è   il   compito   dei   manutentori   e   dei   tecnici delle   società   di   gestione.   Abbiamo   sufficienti   informazioni   e metodologie   di   intervento   per   provvedere   senza   incertezze. Se   c’è   programmazione   non   c’è   emergenza.   I   lavori   possono essere    distribuiti    nel    tempo    e    si    può    evitare    un    impatto drammatico sulla vita degli utenti e della città. La   circonvallazione   di   Palermo   è   stata   progettata   negli   anni   cinquanta,   inserita   nel   piano   regolatore   del   1962   e realizzata   a   cavallo   degli   anni   settanta.   Già   al   momento   della   realizzazione   si   comprese   che   questa   arteria   di attraversamento   era   diventata   una   strada   urbana   e   si   pensò   subito   (1980)   di   progettare   una   sopraelevata   che   per fortuna   non   venne   mai   realizzata.   Ma   il   problema   rimane:   conciliare   una   strada   intimamente   connessa   al   tessuto urbano con la funzione di bretella autostradale. Ancora oggi ci sono progetti ma non soluzioni. Il   “ponte   Corleone”   sull’Oreto   nasce   nel   1962   con   questo   peccato   originale.   Fondamentalmente   è   inadeguato   a svolgere   la   funzione   di   traghettare   tra   le   due   sponde   del   fiume,   al   di   sopra   del   Parco   dell’Oreto,   un   flusso   misto estremamente intenso. Oggi   si   sta   intervenendo   ed   è   subito   caos.   Tutti   i   giornali   e   le   televisioni   ne   parlano.   Ma   i   problemi   c’erano   anche ieri   e   direi   da   anni   ed   anni.   È   un   concetto   che   tutti   applichiamo   riparando   la   nostra   vettura   o   il   nostro   bagno   di casa:   per   mantenere   un   bene   occorre   una   manutenzione   costante.   Non   mi   meraviglierei   se   su   un   ponte   costruito da   60   anni   ci   fossero   problemi   ben   più   seri   di   quelli   risolvibili   con   un   intervento   di   pochi   giorni   (come   quello previsto). La   soluzione   non   può   essere   non   fare   i   lavori,   ritardarli   o   posticiparli.   I   lavori   vanno   fatti   ma   si   devono   creare alternative   al   traffico   ed   avvisare   per   tempo   la   cittadinanza   evitando   disaggi   o   almeno   limitandoli,   in   attesa   di soluzioni   adeguate   come   il   raddoppio   delle   carreggiate   o   la   creazione   di   una   nuova   alternativa   “montana”   alla circonvallazione.   Ben   vengano   i   lavori   eseguiti   di   notte,   molte   città   usano   questa   procedura   come   standard   di intervento.   Che   abbiano   un   costo   maggiore   è   un   falso   problema   perchè   ogni   costo   si   deve   confrontare   con   i benefici che comporta, e, in questo caso, il beneficio sociale è altissimo. Questo   significa   programmare   e   di   questo   c’è   bisogno,   allontanando   inutili   polemiche   e   possibilmente   evitando soluzioni che possono mettere a rischio la sicurezza degli operai.
IL PONTE CORLEONE
Vincenzo Di Dio   Presidente Ordine Ingegneri Palermo