Parliamone
Su ogni argomento esistono i pro ed i contro. Parlarne è la maniera migliore per trovare dei punti di incontro ed una via comune per affrontarli con franchezza e spirito costruttivo.
di Aldo Bertuglia
Festeggiare   i   novant’anni   dell’ing.Cannarozzo   non   è   stato   solo   un   atto   doveroso,   che dovremmo   destinare   a   tutti   i   colleghi   che   hanno   per   così   tanto   tempo   onorato   la professione,   ma   soprattutto   un   atto   di   sentito   affetto   per   un   uomo   che   ha   sempre pensato   che   «essere   ingegnere»   debba   essere   un   esempio   di   comportamento   per tutti. La   giornata   del   25   marzo,   in   cui   l’Ordine   di   Palermo,   ma   anche   altri   Ordini   di   Sicilia   e tra   questi   l’Ordine   di   Catania,   ha   offerto   un   tributo   a   colui   che   per   lungo   tempo   è   stato il «Presidente» di tutti gli ingegneri, libero nel pensiero e autorevole nel giudizio. Ed   è   proprio   su   queste   parole   che   dovremmo   riflettere   in   un’epoca   in   cui   l’arroganza domina   incontrastata   e   le   grida   degli   stupidi   coprono   le   parole   dei   saggi.(come   diceva Cicerone) Un   vero   ingegnere   non   dovrebbe   mai   alzare   la   voce   per   soffocare   le   idee   degli   altri   ma anzi   vivere   arricchendosi   di   ogni   contatto   e   di   ogni   parola.   Solo   così   si   cresce   nella professione   e   nella   vita.   L’ingegnere   Cannarozzo   rappresenta   la   meta   che   tutti   gli ingegneri   dovrebbero   voler   raggiungere   e   soprattutto   i   giovani   che   spesso   si   perdono cercando il futuro senza vivere il presente. L’autorevolezza   non   è   mai   «autorità   “e   la   saggezza   non   è   «limitazione»   ed   il   nostro caro novantenne ha sempre vissuto la sua vita come uomo autorevole e saggio.
RENATO   CANNAROZZO,   IL   «PRESIDENTE»   DEGLI   INGEGNERI, FESTEGGIA NOVANT’ANNI.